Letture

La costruzione della nazione in Turchia ed Egitto

There is a great tendency in international relations scholarship to think that all states act the same. In fact, it has been the main factor driving most research on analyzing states’ behavior in the last decades; reinforcing the idea of... ...

Genova ’60: sessant’anni dopo

È strano come su un episodio così rilevante della storia dell’Italia repubblicana vi siano ancora tante ombre. Il riferimento è ai fatti di Genova del luglio 1960, quando un’insurrezione determinò una svolta decisiva al governo del paese... ...

Liberalismo e Cattolicesimo a dialogo

Non sta scritto da nessuna parte che un dialogo tra due o più persone debba concludersi nel senso di una conciliazione tra le varie posizioni. Ma questo dialogo, intitolato... ...

Socialisti senza Marx e per la nazione: la sinistra fascista

La sinistra fascista. Storia di un progetto mancato rappresenta un’opera di straordinaria importanza per chiunque voglia approfondire, senza pregiudizi ideologici, quella variegata galassia che prende il nome di fascismo... ...

Chernobyl: l’Europa tremò e l’Urss crollò

Siamo tutti vivi per miracolo. È questo il primo pensiero cui porta la lettura di Chernobyl. Storia di una catastrofe nucleare (Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 2019, pp. 519), dello storico e scrittore ucraino-americano Sergej Plokhy... ...

Se vuoi capire, non nutrire false speranze

Conservatore eclettico, irriverente e anticonformista, l’inglese Roger Scruton (scomparso nel gennaio di quest’anno) è autore di decine di libri spesso divisivi ma sempre stimolanti, anche per coloro che avversano le tesi e l’impostazione di fondo di questo filosofo-scrittore... ...

L’Apocalisse del fanatismo politico-ideologico

Ascendendo alla cima del monte Ventoso e mirando il corso della storia, vediamo affiorare e interrarsi una moltitudine di fiumi carsici che irrigano oppure inaridiscono l’humus degli eventi, preparando le grandi svolte del tempo... ...

Il popolarismo sturziano come antidoto ai populismi

Nel volume I limiti del popolo (Rubbettino, Soveria Mannelli 2020, pp. 404) Flavio Felice ricostruisce la genesi e il fondamento culturale della concezione sturziana della democrazia, nell’arco della sua lunga riflessione e prassi... ...

I paradossi della tolleranza politica

«La tolleranza illimitata potrebbe condurre alla scomparsa della tolleranza stessa» perché permetterebbe a tutti di intervenire nella vita pubblica, anche agli intolleranti, che finirebbero per prevaricare sui tolleranti. Popper presenta.... ...

Democrazia e tecnocrazia

Alessio Morosin, nato a Noale (Città metropolitana di Venezia) e laureato nel 1981 in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Padova, non solo è tra i più valenti e seri avvocati che ho avuto l’onore di conoscere... ...

Il punto di partenza e ritorno resta sempre Platone

Di cosa parla il dialogo ΠΟΛΙΤΕΙΑ? Se avesse ragione A.N. Whitehead e la sua osservazione sul fatto che «the safest general characterization of the European philosophical tradition is that it consists of a series... ...

Luciano Pellicani e i difensori della libertà

È cosa ardua trovare un pensatore di sinistra che non prenda a pugni il mercato e la libertà economica. Sconvolge forse ancor di più che egli possa riferirsi ad autori come Ludwig von Mises o Friedrich von Hayek, condividendone le... ...

Decostruzione dell’homo laborans

Il tentativo del saggio di Stefano Berni è quello di colpire al cuore il potere capitalistico, non tanto per rovesciarlo nei termini di una presunta dialettica hegelo-marxiana, quanto per depotenziarlo, deformarlo, farlo implodere... ...

Teologia politica e hybris del potere: «Il primo re» di Matteo Rovere

   In principio fu Remo. O perlomeno è lui – dei due mitici gemelli fondatori di Roma – il vero protagonista del quinto lungometraggio di Rovere (nato nel 1982), scritto a sei mani dal regista con Filippo Gravino e Francesca Manieri... ...

2 giugno: festa della Nazione

Quando si farà la storia della pandemia del 2020 non si potranno non ricordare i tricolori appesi alle finestre e ai balconi, l’inno nazionale cantato dalla gente in casa, la voglia di orgoglio nazionale come se il virus fosse un nemico non dell’umanità ma della nazione.... ...

 9,150 total views,  8 views today